giovedì 10 maggio 2012

Recensione Divina Ironia




 Per conoscere la recensione, clicca: Qui

Per conoscere l'intervista Salvuccio Barravecchia 
con Stefano G. Muscolino,  clicca: Qui



Recensione a cura di Dr. PAOLA MATTEI GENTILI

 
Mi hanno chiesto di recensire questo libro “LA DIVINA IRONIA” così per prima cosa l’ho letto …
“Conditio sine qua non” per recensire un libro, è leggere il libro in questione , sapere di cosa stia parlando e finalmente, farsene un’idea, la quale il più delle volte è superficiale, incompleta, inesatta..Il termine “recensione” deriva dal latino e vuol dire “riflettere”… e qui si riflette tanto… perché anche se devono essere forniti al lettore elementi interpretativi, che analizzino gli argomenti in relazione, ad esempio, il contesto sociale in cui si svolge il racconto, oppure ciò che l’autore ha voluto dire facendo compiere determinate azioni ai propri personaggi, all’improvviso si apre il sipario e il libro scorre velocemente riga dopo riga racconto dopo racconto… il libro LA DIVINA IRONIA addirittura travolge… nel suo impeto creativo, l’obiettivo di un buon libro deve essere proprio questo: spingere alla comprensionedegli eventi raccontati. Per “spingere a riflettere” sui contenuti di un libro, si devono possedere precisi elementi che soddisfino tutti i criteri di apprezzamento. Una corretta lettura, deve avere elementi assolutamente imprescindibili, deve avere elementi valutativi, che diano un giudizio complessivo, elementi cognitivi che permettano la comprensione e infine deve dare al lettore, un filo logico assai simile al “filo di Arianna”, che districhi nei labirinti della mente, lo sciogliersi della trama… lieve come un raggio di sole, questo filo solleva ed evidenzia il pulviscolo, in cui danzano le parolecon le risate compiaciute e compiacenti, i sorrisi complici che lo scrittore intende far affiorare nei lettori… Soltanto osservando questi principi, il libro assolve alla sua funzione originale e permetta di avere tutte le informazioni necessarie per farsi una propria idea sull’argomento trattato. Un libro deve quindi essere scritto, mettendo in relazione prima i tratti caratteristici, poi l’uso delle figure retoriche, il modo di descrivere gli ambienti e le persone, l’ironia e la consapevolezza che la trama determina. Se vi trovate in una situazione del genere e ancora non capite cosa state leggendo, pagina dopo pagina il contenuto vi sembra ostico, prendete in esame due possibilità: o l’autore di cui state leggendo è uno dei più brillanti scrittori della terra e voi state leggendo un’ opera che fra non molto vi apparirà come un’ epifania , o voi non siete i più brillanti lettori della terra…. ma in ogni caso il libro LA DIVINA IRONIA è lì e vi fa l’occhiolino, vi chiama a gran voce, vi reclama fino in fondo, perché capiate l’importanza di quel che è fra le vostre mani, perché su quei fogli scritti è appena nato qualcosa di immenso, incredibile, importante è nata un’ idea, una vera idea, l’elemento l’essenziale per un vero bellissimo libro…

Dr. PAOLA MATTEI GENTILI

Nessun commento:

Posta un commento