venerdì 17 febbraio 2012

E stelle




o sai che songhe e stelle?
So l'uocchie lucente de n'annummurate
so brillante ca n'ciele fanno luce
e co calore te scarfeno o core
e tu te ne stai co naso all'aria e te guarde!
che stelle!
Che luce!
E piense..........
addosta a stella mia?
Addo stanno l'uocchie e chi fa luce a me?
Ma nun a trove tu guardo e nun a vire!
Forse a stella toia è luntane assaie
nun te fa luce e ne te scarfe chiù
aspettà nun serve se ne ghiute
e te ne vai pure tu sola sola.
cuorpe a te resta sulamente a nustalgia
e chesta luce ca brillava tanto tiempe fa
piette a stu ciele blu e piette a te 


Anamaria Romito

Torna indietro  

3 commenti:

  1. Trovo l'utilizzo del vernacolo napoletano dolce, ritmato ed estremamente appropriato.

    RispondiElimina
  2. L'uso del dialetto napoletano rende bene il pensiero di quanto scritto..semmai sarebbe stato bello scritto in modo corretto.

    RispondiElimina
  3. Il contenuto è eccezione, la grammatica è ottima e il dialetto napoletano la rende originale. Una poesia di classe, secondo il mio parere.

    RispondiElimina