martedì 20 dicembre 2011

Annalisa Santamaria


Mattino di Natale

Soave come l'aria del pino,
cade la neve, generosa
umida, terge il primo mattino.
Scruta dai vetri l'anima pensierosa
e dall'opaco sovviene una luce,
chiarore che acceca e toglie la voce.
Mattino di gioia, s'appressa
nell'aria quel profumo di festa
e senza contare già sai che è Natale.
 

Annalisa Santamaria


Dichiaro che la poesia è Natalizia e quindi gode del bonus di +5 punti.



2 commenti:

  1. Descrittiva natalizia dove non poni un tuo pensiero interiore a ciò che per te, equivale la festa. Comunque la descrittiva è di buona fantasia! Brava.

    RispondiElimina
  2. Un ottimo uso delle parole, anche se il ritmo è un pò statico. Mi chiedo perchè l'anima è pensierosa che scruta dalla finestra, non dovrebbe se è festa. Mentre dalla descrizione sembra un luogo nordico, tipo per il pino e per la neve, mi ricorda la svizzera dove sono cresciuto ;-)

    RispondiElimina