mercoledì 19 ottobre 2011

Lara La Barbera

SIRELA

Di marinaio feci la mia giovane esistenza,
fu scelta necessaria per la sopravvivenza.
Il capitan che seppe del lutto famigliare,
con ampio stratagemma, mi fece poi imbarcare.

Su navi veleggiai e offrii lavor concreto
e i mari attraversai portandomi un segreto.
Il giorno che facemmo di un’isola la base,
per molto vi sostammo e costruimmo case.

Nel tempo del riposo trovai una postazione,
sedetti in riva al mare, entrai in meditazione.
La calma ed il silenzio mi vennero a mancare,
sentii un movimento davanti, dentro il mare.

Piroettò sinuosa e leggiadra
e del mio cuor divenne ladra.
Decretò della ragion la dipartita
emergendomi accanto divertita.

Osservai che era donna e anche pesce,
di lei potente il fascino, col canto cresce.
Mi ammaliò con sguardi e labbra fuoco
e nel tormento caddi, dimenticando il loco.

Lei soleva ingannare gli uomini col canto
per vendicar tenacemente un cuore infranto.
Tanti i maschi che trasferì all’inferno...
donava a lei piacere il loro sonno eterno.
Fiammante il gesto magico e condiviso
fra noi ci fu quel bacio all’improvviso.

Un bacio che riaprì il suo bel cuore
un bacio e percepì tutto il mio amore.
Noi due dentro alla culla dell’universo
grazie a un nonnulla fu tutto diverso.
Si erse avanti a me come colonna,
fu dolce e mi lasciò...perché ero donna.

Ancor oggi si narra di una particolar sirena
che libera i suoi maschi provando amore e pena.
Racconto questa storia a lume di candela
cantando il suo bel nome, chiamandola SIRELA.


E' la nostra campionessa. Purtroppo non potrà vincere due volte consegutive, ma è bello avere la sua partecipazione.

Torna indietro

14 commenti:

  1. Brava Lara! bello il colpo di scena: il marinaio è DONNA!! mi piace, esce dagli schemi!! ....
    :D ly.

    RispondiElimina
  2. Mi sono divertito a leggere il tuo libro e mi divertiva l'idea di vedere anche cosa creavi con questo nuovo tema. Si vede tutto il tuo stile :-)

    RispondiElimina
  3. Anche io la trovo molto bella ed originale ;)

    Complimenti :)

    Mi è piaciuta davvero :D

    Cristina (BE76)

    RispondiElimina
  4. Ho messo un commento anonimo a tutti, non mi andava di fare la saccentona, ma leggendo qui preferisco informare che sono stati solo commenti positivi. Brutta bestia la competitività!!! Divertitevi...siamo qui per questo ed eventualmente per imparare e migliorare.
    Per quanto bravi ed impegnati siano i partecipanti, non si è qui per vincere la nomina di miglior poeta a livello nazio o internazionale, e anche se fosse è necessaria l'umiltà. Rilassatevi...ché l'Ego non ci regalerà un mondo migliore, mentre l'animo di un vero poeta è proprio ciò a cui aspira.

    Lara La Barbera

    P.S. Ripeterò questo post ovunque, sul blog, perché questo è proprio qualcosa che tengo a dire!!! Grazie a tutti per essere in questo simpaticissimo spazio creativo (piuttosto che distruttivo).
    <3 Cuoricino :-)

    RispondiElimina
  5. Originale e fuori dagli schemi,sei brava.Rosalba

    RispondiElimina
  6. Bello il tuo comunicato, degno ammirazione! Non ci sono stato veramente problemi di sgarbo in ogni caso come nemmeno la scorsa volta, anzi vedo che siamo più noi autori che ci seguiamo da post a post rispetto ai gli altri visitari. E' bello vedere quando c'è solidarietà fra tanti artisti diversi ;-)

    RispondiElimina
  7. non mi piaciono molto le poesie rimate,neanche quando io stesso,costretto dagli eventi,le scrivo,(poche),ma mi è piaciuta,l'ho letta tutta d'un fiato,proprio come capita con le rimate...complimenti..
    Armando.

    RispondiElimina
  8. La tua fantasia è ottima, ma è descrittiva per un piccolo paragrafo narrativo, e assai scanzonato.La rima è in questo caso possesso della lingua, idioma il tuo, che in questo caso nella tua poetica non ti porta molto lontano.Complimenti in ogni caso per la tua voglia di esserci, anche se il tema da te narrato, sicuramente non ti suscitava l'animo nel carpir l'emozione. In ogni caso trovo alte le tue potenzialità:affinale.

    RispondiElimina
  9. Mi sono presa il tempo di leggere tutte le opere e mi prendero' il tempo per votarle, alcune sono molto belle altre belle,la tua e' "diversa", e' facile da leggere perche'ti trascina, attraverso la rima, fino ad arrivare alla fine che ti sorprende e ti costringe per un momento ad interrompere la lettura e a pensare...."ma,non ho forse capito cio' che ho letto ??? " Ma e' una frazione di secondo, poi scatta il sorriso, per essersi lasciati sorprendere. Brava Laretta sono fiera di te (con o senza poesie). Un baciotto. Ma' :-))

    RispondiElimina
  10. Grazie di cuore a tutti!!!
    In verità l'unico obiettivo che avevo era di uscire dagli schemi facendomi una risata...però un paio di aspetti narrati erano in risonanza con le mie emozioni che, in questa occasione, sono scaturite come rigagnolo d'acqua e non più come oceano. Tutto sommato Leandro ha "sentito" quasi perfettamente.

    È bello condividere con voi senza pretese ne presunzione!

    @Leandro.Loy: possiamo trovare un modo un po' più diretto di comunicare? Mi piacerebbe farti alcune domande, perché non ho colto pienamente il tuo messaggio...se hai tempo e voglia sarebbe carino, per me, scoprire di più. :-)

    RispondiElimina
  11. Grazie per la tua approvazione al mio commento. Ne sono lusingato. Leandro.Loy32@gmail.com se mi vuoi interpellare, a tua disposizione. Un bacio a tutti gli autori.

    RispondiElimina
  12. se una sirena tace l'altra
    si propone fede
    poi qualunquisti
    pregiudicanti
    basate
    spessori
    riflettenti
    senza
    vera magnitude
    o elastica
    dinamica
    Maurizio Masiero

    RispondiElimina
  13. La magnitude di dinamismo interiore è riflettente in ciascuno, persino chi pensa di esserne portatore sano del verbo Avere". Per me è molto più suggestivo "Essere" amico mio. Complimenti per il tuo componimento da cui si intuisce un grande egocentrismo riflettente soltanto in se stesso. Spero che converrai con me che di certo intellettualismo, ne possiamo fare sicuramente a meno. Certo del tuo consenso personale, ti saluto e ti abbraccio di cuore.

    RispondiElimina
  14. Complimenti Maurizio. Io vengo da una scuola di amataori che per esprirmersi spesso non ricorrevano a carta e penna, ma li bastava anche una bomboletta a spray. Tutti alla costante ricerca di un linguaggio così trasperente, da riuscire ad essere compreso anche da un bambino di sei anni.

    Nel vedere il tuo poema, sono contento di sapere che esiste anche l'opposto.

    Francamente però non sono riuscito a capire cosa significa!

    Così nemmeno i miei amici che l'hanno ritenuta senza significato. Se vuoi un consiglio, Cerca di essere comprensibile a tutti, sennò ti ritrovi che i pochi che leggono le tue poesie, siano solo dei filosofi.

    RispondiElimina