domenica 16 ottobre 2011

Angela V.

LA MIA ATTESA di Angela Visalli

Dove sei amore mio in questo momento?
Ancorata al mio scoglio,
Ti aspetto.

La speranza di rivederti tiene me in vita.
Ma ogni notte passa in fretta
e tu non torni mai.
Ti aspetto.

Luna indicami la via per ritrovarlo,
come un faro nella notte sarai la mia guida.
Ti aspetto.

Ogni mio pensiero è per te,
la mia anima è tua.

Se solo tornassi qui da me...
Ti aspetto.

Dove sei amore mio in questo momento?
Prigioniera del mio scoglio
attendo il giorno in cui mi libererai.

7 commenti:

  1. Trovo interessante il suo messaggio. Ravviva l'idea di una sirena di un amore molto sofferto e atteso, un amore perduto nel vero senso del termine. E' molto semplice il linguaggio e molto convincente il contenuto.

    RispondiElimina
  2. Struggente prigionia di chi affida ad altri la propria libertà. La vita di una sirena si consuma e perde lustro nell'effimera speranza che qualcuno dall'esterno giunga a salvarla.
    Un dramma auto-inflitto in un'idea d'amore, che paventa delusione.
    Toccante! Mi spinge ad invitare la sirena a rituffarsi nell'oceano delle possibilità.

    RispondiElimina
  3. Struggente, l'attesa che lentamente spegne la passione, lasciando che la notte si porti via le ultime speranze di un amore impossibile.

    RispondiElimina
  4. Il componimento l'ho trovato interessante, l'idea c'era nella tua fantasia per poter svolgere un ottimo lavoro. Comunque debbo sottolineare che in tutte le prose in genere, ricalca ricorrente e struggente questo amore che in definitiva annulla in parte, la medesima fantasia poetica dell'autore.In questo caso il tuo voler vivere un amore intenso, non credo possa renderti riduttiva nella tua voglia di esistere e di amare"ma in senso lato".In ogni caso complimenti!

    RispondiElimina
  5. Ho messo un commento anonimo a tutti, non mi andava di fare la saccentona, ma leggendo qui preferisco informare che sono stati solo commenti positivi. Brutta bestia la competitività!!! Divertitevi...siamo qui per questo ed eventualmente per imparare e migliorare.
    Per quanto bravi ed impegnati siano i partecipanti, non si è qui per vincere la nomina di miglior poeta a livello nazio o internazionale, e anche se fosse è necessaria l'umiltà. Rilassatevi...ché l'Ego non ci regalerà un mondo migliore, mentre l'animo di un vero poeta è proprio ciò a cui aspira.

    Lara La Barbera

    P.S. Ripeterò questo post ovunque, sul blog, perché questo è proprio qualcosa che tengo a dire!!! Grazie a tutti per essere in questo simpaticissimo spazio creativo (piuttosto che distruttivo).
    <3 Cuoricino :-)

    RispondiElimina
  6. Grazie Landro Loy. Ho trovato davvero di ispirazione il tuo commento. :-D

    RispondiElimina
  7. Grazie a te angivisal184, ti ho semplicemente detto ciò che ne penso personalmente. Comunque complimenti di nuovo, e trovo molto interessante il tuo commento.La critica spesso è il mezzo per crescere "in entrambi gli interlocutori" Un bacio.

    RispondiElimina